Basilica delle Vigne Genova esterno vista dall'hotel Palazzo del Grillo

Visita alla Basilica delle Vigne a Genova

0 commento
Home » Visita alla Basilica delle Vigne a Genova

La Basilica delle Vigne è una delle chiese da vedere assolutamente durante una visita a Genova. Le chiese di Genova sono strettamente legate con la sua storia e con quello che è chiamato il secolo d’oro di Genova a cavallo tra il Cinque e il Seicento in cui la città ha visto un incredibile sviluppo che ha portato alla realizzazione di Strada Nuova e alla costruzione dei Palazzi Dei Rolli.

La storia della Basilica delle Vigne è lunga secoli, parte dall’anno mille quando questo spazio era campagna, fuori dalle mura cittadine dove si coltivavano le vigne, così come ci ricorda il suo nome.

Una storia che puoi scoprire con una visita guidata con Kalatà. E se credi che le visite guidate ti annoino, non preoccuparti, non sarà di certo questo il caso perché le guide ti accompagneranno negli angoli più nascosti della Basilica e potrai salire fino in cima alla cupola.

Con indosso il caschetto protettivo potrai infilarti tra i corridoi segreti per scoprire l’evoluzione della Basilica nei secoli fino agli ultimi restauri.

Basilica delle Vigne Genova esterno vista dall'hotel Palazzo del Grillo

Dove si trova la Basilica delle Vigne

La Basilica delle Vigne si trova nell’omonima piazza delle Vigne, nel cuore del centro storico e più precisamente nel quartiere della Maddalena.

Si trova a pochi minuti a piedi sia dalla centralissima Piazza De Ferrari che dal Porto Antico e dall’Acquario di Genova.

Oggi sulla piazza troverete dehors e tavolini circondati da palazzi dalle facciate affrescate tra cui Palazzo Grillo i cui affreschi interni furono realizzati da Gio Battista Castello, detto il Bergamasco, e che oggi ospita un hotel dove ti consiglio di soggiornare per visitare il centro storico.

Un po’ di storia della Basilica

All’epoca della sua costruzione nel VI secolo la chiesa si trovava al di fuori della prima città muraria carolingia su un terreno che, come ti ho anticipato qualche riga fa, veniva coltivato a vigneti.

L’intera zona fu inglobata nel tessuto urbano della città fino a rientrare nella cerchia cittadina con la costruzione delle nuove mura del Barbarossa terminate nel 1159.

A questo periodo risale il campanile romanico che è sopravvissuto alle trasformazioni successive della Basilica e che poggia su un arco che unisce la Basilica al Chiostro.

A partire dall’anno mille la chiesa ha subito numerose modifiche e oggi il suo interno ha uno stile barocco. Nel Seicento fu ricoperto il soffitto in legno e sostituite le colonne in marmo verde di Levanto con colonne bianche più luminose. Delle colonne originali ne rimane solo una che non fu sostituita perché decorata con l’immagine della Madonna del Latte alla quale ci si rivolgeva per propiziare una nascita, per proteggere una gravidanza o per ringraziare dopo il parto.

La facciata medievale invece fu ricoperta solo nell’Ottocento con una nuova facciata neoclassica.

Vista sui tetti di Genova

Durante il percorso c’è anche un passaggio su una passerella esterna (sono pochi metri in totale sicurezza) che ti permetteranno di avere una vista spettacolare sui tetti del centro storico di Genova, con i suoi terrazzini nascosti.

Attraverso questo passaggio arriverai subito sotto la cupola per ammirarne gli affreschi e ad un ballatoi da cui potrai affacciarti per vedere la Basilica dall’alto.

Potrai scorgere dall’interno anche la facciata medievale che si trova ancora sotto la facciata neoclassica.

Visita con Kalatà: informazioni utili

La visita guidata è organizzata da Kalatà tutti i sabati e le domeniche con 4 orari: 9:30 – 11:30 – 14:30 – 16:30.

Il biglietto va acquistato in anticipo sul sito di Kalatà e costa 10 euro ( 8 euro il ridotto). Hanno diritto al biglietto ridotto anche i possessori del biglietto delle mostre di Palazzo Ducale.

Fino al 6 gennaio 2023 puoi acquistare il biglietto open con il 20% di sconto con il codice GENOVA20.

Inoltre fino al 22 dicembre, potrete avere una degustazione presso l’Antica Confetteria Romanengo.

Visita guidata basilica delle vigne genova

Lascia un commento

* Utilizzando questo modulo accetti la memorizzazione e la gestione dei tuoi dati da parte di questo sito web.

chi sono

Monica Bruni

Monica Bruni

Sono Monica. Amo la bellezza in ogni sua forma: i viaggi, l'arte, i libri, la fotografia e tutto ciò che viene creato con anima e passione. Scrivo guide di viaggio slow e itinerari alla scoperta di attimi di vita vera. Cerco sempre nuove strade, in viaggio e nella vita, che portino lontano dalle rotte più battute.
Leggi di più su di me

dove vuoi andare

Iscriviti a

PourParler

La newsletter in cui chiacchiereremo in modo un po’ informale di cose che ho fatto, letto, visto, mangiato, vissuto e che, forse, potrebbero interessarti.

SEGUIMI SUI SOCIAL