Home » Street food a Genova: dal dolce al salato, il meglio dei sapori tradizionali

Street food a Genova: dal dolce al salato, il meglio dei sapori tradizionali

di Monica
0 commento
Antica Sciamadda Genova

Lo street food è una moda un po’ ovunque, che sia per uno spuntino veloce mentre si è al lavoro nella propria città, per un pranzo rapido per non perdere tempo a tavola mentre si è in viaggio o per una cena economica ma gustosa e – perché no? – anche romantica, magari seduti davanti a un bel tramonto.

Ma se negli ultimi anni è diventata una tendenza grazie anche a cibi e cucine esotiche o con prodotti a km 0, a Genova il cibo di strada è una tradizione consolidata da oltre un secolo.

Le friggitorie e i forni che oggi offrono street food ai turisti, sono gli stessi luoghi dove all’inizio del XX secolo mangiavano i “camalli”, i portuali genovesi, e gli operai.

Anche le ricette tradizionali non sono cambiate e oggi chi viene a visitare Genova può gustare gli stessi sapori di un secolo fa.

Per chi arriva a Genova non sarà difficile trovare un locale che propone street food tradizionale tra i caruggi del centro storico dove le botteghe storiche sono rimaste immutate e ancora oggi propongono i sapori genuini della cucina povera.

La maggior parte dei locali storici di cucina di strada genovese si trova nella zona di Sottoripa al limite tra i “caruggi”, gli stretti vicoli del centro storico genovese, e il Porto Antico, la zona più turistica dell’Acquario e del Museo del Mare. Ma anche in altre zone della città o sul mare di Boccadasse, le friggitorie e i locali tradizionali non mancano.

Per conoscere Genova attraverso la sua cucina ti consiglio un tour guidato accompagnato da una guida locale che ti farà assaggiare i piatti tipici nel centro storico della città. Puoi prenotarlo qui online per essere certo di assicurarti il tuo posto.

Se stai cercando un hotel a Genova, leggi qui

Street Food Genova - Focaccia

Focaccia

Se si parla di street food a Genova, il primo pensiero va alla focaccia. Dal mattino, pucciata nel cappuccino, a sera, accompagnata dall’aperitivo, ogni ora è buona per una striscia (o slerfa se la volete più abbondante) di focaccia.

Ogni genovese ha il suo forno di fiducia ma anche se con qualche piccola variazione, la “vera” focaccia genovese deve avere alcune caratteristiche imprescindibili: croccante e unta sopra, morbida sotto, da mangiare ancora calda appena sfornata.

Gli ingredienti sono semplici: acqua, farina, lievito, olio extravergine d’oliva e sale. Ma una volta nel forno producono quel profumo inebriante che ti attira quando passi davanti a un panificio e non puoi fare a meno di entrare e acquistarla.

Dove comprare la focaccia genovese

  • Claretta – via della Posta Vecchia, 12r
  • Da Mario – Via San Vincenzo, 61r
  • Antico Forno della Casana – Vico Casana, 17r

Frittini, frisceu e cuculli

Le friggitorie sono un’altra grande tradizione dello street food genovese. Molte hanno ancora gli arredi originali con piastrelle bianche alle pareti e tavolo da lavoro in marmo. In realtà non troverete solo i fritti ma anche altre delizie della cucina tradizionale ligure come panissa e torte salate.

Potete prendere il classico conetto di pesci fritti – acciughe, totani e gamberetti – o, tra i fritti tipici genovesi, ci sono anche cuculli e frisceu.

Molti confondono cuculli e frisceu, infatti sono entrambi frittelline croccanti e dorate ma con sostanziali differenze.

I frisceu sono semplicemente farina 0, acqua, sale e lievito, ai quali possono essere aggiunti baccalà, erba cipollina, bianchetti, cipolle o lattuga. Ne esiste anche una versione dolce, con zucchero e uvetta, che solitamente viene preparata in occasione della festa di San Giovanni, Santo Patrono di Genova.

I cuculli, invece, sono preparati con farina di ceci o di patate e possono essere serviti anche di contorno a carni e agnello.

Friggitorie a Genova

  • Antica Friggitoria Carega – Via di Sottoripa 113r
  • Friggitoria San San Giorgio – Piazza Caricamento
  • Ittiturismo Boccadasse Ge8317 – Via Aurora 7r
Antica Sciamadda Genova

Panissa, Farinata e Torte Salate

La panissa si prepara con farina di ceci, acqua e sale. A Genova si mangia in vari modi, anche fredda in insalata, ma se si parla di cibo di strada, vi verrà servita fritta, tagliata a spicchi come le patatine.

La farinata, invece, è la tradizionale torta di farina di ceci, sottilissima, croccante e super gustosa.

Nelle torte salate si vede la tradizione della cucina contadina ligure. Polpettone di patate e fagiolini, torta Pasqualina – di bietole o di carciofi, i liguri non si metteranno mai d’accordo – torta di riso e torta di cipolle.  Anche il formaggio usato è genovesissimo, la prescinseua. Tutte con una base di pasta matta: farina, acqua sale e olio.

Torte salate e farinate potete gustarle nelle sciamadde, o in molti casi, all’esterno perché all’interno non c’è quasi mai lo spazio per fermarsi. Le sciamadde a Genova sono le antiche friggitorie, anche se in realtà sono molto di più. Locali piccoli con un forno a legna e “sciamadda” deriva proprio dalla fiamma della legna usata per scaldare il forno.

Dove mangiare farinata e torte salate a Genova

  • Antica Sciamadda – Via San Giorgio 14r
  • Sciamadda – Via di Ravecca, 19r
  • Sa Pesta – Via dei Giustiniani 16r

Gelato

Per gli amanti del dolce, nella tradizione ligure non mancano le gelaterie. Ce ne sono diverse e tutte ottime.

Per i genovesi è una tradizione il gelato della domenica o delle serate estive a Boccadasse, dalla Cremeria Amedeo. Da qualche anno oltre al negozio storico è stata aperta la yogurteria e steccheria in Via Aurora. Provate a entrarci, oltre che buonissimi, gli stecchi sono coloratissimi e bellissimi da vedere.

Nel centro storico sono diverse le gelaterie dove prendere un cono da gustare mentre passeggiate tra i caruggi, alcune nate come estensione delle tradizionali cioccolaterie.

Genova ha anche un suo gusto tradizionale che potete trovare solo qui: la pànera. Quella originale è della Cremeria Buonafede e la leggenda narra che, a metà del 1800, un garzone distratto, lasciò cadere del caffè, per errore, nella panna che stava montando. Il pasticcere, vedendo la panna di un colore insolito, si rivolse al garzone, chiedendogli in dialetto: “cöse t’äe combinou? T’ äe faeto a panna neigra”. Ma assaggiandola si accorse che il gusto era squisito e da allora non manca mai, nelle gelaterie genovesi, questo gusto tradizionale di panna e caffè.

Gelaterie tradizionali a Genova

  • Cremeria Buonafede – Via Luccoli, 12r
  • Gelateria Profumo – Vico Superiore del Ferro, 14
  • Gelateria Viganotti – Salita del Prione, 12r
  • Antica Gelateria Amedeo – Via Boccadasse, 7r

Se stai cercando un hotel a Genova, leggi qui

Questo post fa parte dell’iniziativa #emozionidiliguria che portiamo avanti ogni anno con altre blogger liguri per promuovere la nostra regione:

Se questo post t è piaciuto condividilo su Pinterest!

street food a Genova

You may also like

Lascia un commento