fbpx
Home » Cosa vedere a Rapallo e dintorni

Cosa vedere a Rapallo e dintorni

di Monica

Il Levante ligure è conosciuto in tutto il mondo per le Cinque Terre e Portofino ma in realtà, da Genova a La Spezia, è tutto un susseguirsi di borghi colorati incastonati tra le colline e il mare.


Golfo del Tigullio vista - In viaggio con MonicaIl Tigullio è l’area che va dal promontorio di Portofino fino a Sestri Levante e Rapallo ne è il centro.

Rapallo è una delle cittadine più grandi di questo territorio, cresciuta durante la Belle Époque con le sue ville e i palazzi Liberty, ma mantenendo sempre il suo animo di borgo marinaro.

“O dolcissima Rapallo, città d’oro illuminata, dai tramonti di corallo, lo smeraldo del tuo mare e l’azzurro del tuo cielo ogni coppia fa sognare. Del Tigullio sei la gemma…”. Principe Antonio de Curtis, in arte Totò

Spesso viaggiamo verso mete lontane e diamo per scontato i luoghi vicino a casa.

Rapallo per noi genovesi è il posto dove andare al mare d’estate, ma ancora meglio in primavera quando ci sono meno turisti, o dove passare una serata fuori con gli amici in uno dei tanti locali alla moda.

Qualche volta ho fatto trekking sulle sue colline per ammirare il paesaggio dall’alto ma non mi sono mai soffermata sulla bellezza del borgo.

L’occasione è arrivata poco prima di Natale grazie all’invito dell’Hotel San Desiderio a passare qualche giorno nel Tigullio per scoprire cosa fare a Rapallo e dintorni anche al di fuori della stagione estiva.

Alla fine di ottobre una terribile mareggiata ha distrutto il porto turistico spingendo gli yacht sulla riva. I danni sono stati moltissimi e ci vorrà del tempo per ricostruire il porto ma il resto del borgo non ha subito danni e la cittadina è sempre vivibile e aperta ad accogliere i turisti in ogni stagione.

Vediamo insieme cosa si può fare a Rapallo e dintorni.

Cosa vedere a Rapallo

Rapallo vista dalla funivia per Montallegro - In viaggio con Monica

Rapallo, sin dalla metà dell’Ottocento, è sempre stata una meta di un turismo che è cresciuto sempre più, fino ai giorni nostri, grazie ai numerosi stabilimenti balneari ma vanta anche un grazioso centro storico pieno di vita.

Rapallo: il Centro Storico

Rapallo Natale - In viaggio con Monica

Il centro storico di Rapallo è una fitta rete di caruggi, le strette stradine pedonali che caratterizzano i borghi liguri.

Le case sono alte e strette, dai colori vivaci e dipinte con gli affreschi trompe-l’oeil caratteristici di questa regione. Le finestre, gli archi, le balaustre e anche i mattoni sono tutti finti. Molti si stupiscono per le finestre dipinte sulle facciate delle case liguri ma questa tecnica iniziò ad essere utilizzata per aggirare una legge del 1798 che impose una tassa proprio sul numero di finestre.

I vicoli pedonali del borgo medioevale oggi sono diventati le vie del passeggio e dello shopping. Le botteghe storiche che vendono prodotti alimentari e la tipica focaccia ligure affiancano le boutique eleganti e alla moda dove togliersi qualche sfizio.

Il vicolo principale è separato dal Lungomare Vittorio Veneto dalla Porta delle Saline, che è l’unica porta rimasta in piedi delle cinque porte dell’antico borgo murato.

Rapallo: Lungomare Vittorio Veneto

Il Lungomare Vittorio è la passeggiata per eccellenza, tra il mare e i palazzi liberty affiancata da palme e aiuole offre una bella vista su tutto il golfo.

È considerato il “salotto” di Rapallo e qui si trovano numerosi ristoranti dove sedersi al sole nelle belle giornate anche durante l’inverno.

In questo periodo sono in corso dei lavori di manutenzione ma si sta facendo il possibile per renderla di nuovamente percorribile al più presto.

Al centro della passeggiata si trova il Chiosco della Musica, una costruzione in stile Liberty voluta dai cittadini di Rapallo emigrati in Cile per ospitare i concerti bandistici. L’affresco della cupola rappresenta tutti i più importanti compositori e ancora oggi si svolgono qui manifestazioni musicali.

Rapallo: il Castello sul mare

Castello Rapallo- In viaggio con Monica

Il simbolo di Rapallo è il suo Castello sul mare situato all’estremità orientale del Lungomare Vittorio Veneto.

Un castello unico perché costruito su un piccolo promontorio roccioso sul mare. Un piccolo forte costruito con scopi difensivi nel 1550 in seguito all’assalto del corsaro Dragut alla città di Rapallo.

Oggi è utilizzato per fiere e mostre. L’evento più importante si svolge ogni anno il 3 luglio, in occasione dei festeggiamenti per la ricorrenza dell’apparizione di N.S. di Montallegro. Dopo tre giorni di spettacoli pirotecnici al castello “viene dato fuoco” in un bellissimo spettacolo di luci che richiama a Rapallo molti turisti.

A Natale invece, all’interno del Castello viene allestita la casa al mare di Babbo Natale con mercatini e vari eventi dedicati ai più piccoli. Quest’anno è stata spostata all’interno di villa Devoto a causa della mareggiata che ha danneggiato la passeggiata ma in futuro tornerà nella sua ambientazione originale.

Rapallo: la pieve di Santo Stefano e la Torre Civica

La pieve di Santo Stefano, oggi chiamata “Oratorio dei Neri”, fu costruita intorno all’anno mille ed è considerata la prima chiesa cristiana di Rapallo.

Nel 1459 fu affiancata dalla Torre Civica, costruita per simboleggiare l’unità tra gli abitanti di Rapallo ma allo stesso tempo divenne il campanile della vicina Chiesa di Santo Stefano.

Rapallo: la Basilica dei SS. Gervasio e Protasio

La Basilica dei SS. Gervasio e Protasio si trova nel centro storico di Rapallo. Fu costruita durante il Medioevo in stile gotico-romanico ma la data esatta in cui fu edificata non è chiara.

Al suo interno vi è un’iscrizione che riporta al 1118 ma quello che è certo è che continuò a subire modifiche fino al 1920 in cui fu terminata la costruzione della cupola monumentale.

Rapallo: il Monastero delle Clarisse

Il Monastero delle Clarisse si trova nei pressi del Castello e fu costruito nel 1600, in seguito alla chiusura del Monastero di Valle Christi.

Nel 1689 fu dichiarato convento di clausura dell’Ordine di Santa Chiara da Montefalco e rimase tale fino agli inizi del ‘900.

Nel 1902 fu sconsacrato e negli anni successivi fu utilizzato come caserma, come magazzino, come scuola, fino a diventare un teatro-auditorium.

Cosa fare nei dintorni di Rapallo

Rapallo si trova al centro di un territorio molto interessante dal punto di vista turistico. Se decidete di passare qualche giorno in questa cittadina andate alla scoperta anche dei suoi dintorni.

Salire al Santuario di Montallegro

Rapallo santuario montallegro - In viaggio con Monica

Il Santuario di Montallegro è un luogo di pace da cui è possibile ammirare un panorama straordinario.

Fu costruito in seguito all’apparizione della Madonna al contadino Giovanni Chichizola il 2 luglio 1557, proprio su questo monte.

All’interno, oltre a centinaia di ex-voto lasciati qui dai pellegrini, è conservata anche un’icona bizantina che la Madonna lasciò sul luogo dell’apparizione alla quale è legato un aneddoto miracoloso. Questa icona infatti fu reclamata da alcuni ragusei che sostenevano che appartenesse alla città di Dubrovnik. L’icona fu così rimandata alla città di origine ma durante la traversata sparì e fu nuovamente ritrovata al Santuario di Montallegro. I ragusei compresero il segno divino e fu quindi lasciata a Rapallo.

Per salire a Montallegro c’è una comoda funivia che parte tutti i giorni da piazzale Solari, subito dietro la stazione ferroviaria di Rapallo, e in pochi minuti porta sotto il piazzale del santuario. Potete controllare gli orari e i costi della funivia sul sito ufficiale.

Il Santuario si trova a circa 600 metri sul mare e salendo con la funivia piano piano si aprirà davanti a voi un panorama spettacolare che arriva ad abbracciare tutto il Golfo del Tigullio, da Rapallo fino al monte di Portofino.

Rapallo tramonto - In viaggio con Monica
Se invece siete appassionati di trekking da Rapallo parte un sentiero con cui è possibile raggiungere il Santuario in un’ora e mezza circa. Da qui partono numerosi altri sentieri di trekking e mountain bike che portano alla scoperta degli affascinanti paesaggi dell’entroterra ligure tra uliveti e terrazzamenti.

Andare alla scoperta dell’artigianato locale

Tra le tradizioni di artigianato ligure ci sono i velluti e i damaschi genovesi e la produzione di pizzi e merletti al tombolo.
Queste tradizioni si sono tramandate dal ‘500 fino al giorno d’oggi proprio nel Tigullio a Rapallo e nella vicina Zoagli.

Tessitura Artigiana Giuseppe Gaggioli

Laboratorio tessile Gaggioli - velluti artigianali - In viaggio con Monica

Nella strada che da Rapallo porta a Zoagli, in una villa dell’inizio del Novecento affacciata sul mare e circondata da un giardino fiorito, si trova la Tessitura Artigiana Giuseppe Gaggioli. Qui producono ancora velluti e damaschi preziosi su telai originali del ‘700.

È un lavoro delicato e lungo, pensate che in un giorno si producono circa 40/50 centimetri di tessuto che oggi viene richiesto in tutto il mondo soprattutto per arredi o costumi di scena.

Al piano di sopra si accede a un piccolo showroom dove è possibile acquistare oggetti in velluto come cuscini, borse o portafogli. Se passate di qui non esitate a suonare, la Tessitura Gaggioli è sempre visitabile in orario di negozio.

Il pizzo al Tombolo di Fili meravigliosi

Tombolo Rapallo - In viaggio con Monica

La tradizione del pizzo al tombolo a Rapallo risale al ‘500 quando le donne, da sempre abituate a intrecciare le reti da pesca, iniziarono a passare il tempo, in attesa del rientro dei mariti, intrecciando fili sedute vicino al mare. Negli anni il pizzo diventò anche uno dei pochi lavori che le donne potevano svolgere fuori di casa partecipando così anche al sostentamento della famiglia.

Sono sincera, non pensavo che il pizzo al tombolo potesse affascinarmi. Ma a Rapallo ho conosciuto Michela che porta avanti questa tradizione con la sua associazione Fili Meravigliosi e lei è riuscita a trasmettermi la sua passione.

Vederla lavorare è un’esperienza incredibile e non si può che rimanere a bocca aperta davanti alle sue mani che si muovono veloci su quel complicatissimo intreccio di fili.

Il tombolo è un cuscino cilindrico sul quale viene appoggiato il disegno del pizzo. Su questo disegno vengono “annodati” i fili che sono avvolti intorno a decine di fuselli e ogni nodo viene poi bloccato al tombolo con centinaia di spilli.

È un lavoro talmente complicato che vengono realizzati solo pochi centimetri al giorno e per realizzare un telo ci vogliono anni.

Fili meravigliosi bijoux - In viaggio con Monica
Michela è riuscita anche a rendere moderno il pizzo al tombolo creando originali bijoux che unisco i suoi fili meravigliosi alla filigrana di Campo Ligure, un’altra eccellenza dell’artigianato ligure.

Passare mezza giornata di relax in un centro benessere

Rapallo e il Tigullio rimangono sempre luoghi di villeggiatura dove rilassarsi e allontanare le tensioni della città. E allora cosa c’è di meglio del passare mezza giornata in un centro benessere?

Chiavari Venere Medi Spa - In viaggio con Monica
Io sono stata ospitata dal Centro Venere Medi Spa di Chiavari dove ho provato trattamenti esclusivi e all’avanguardia.

Sono stata coccolata con massaggi con oli caldi e un trattamento viso dall’effetto lifting miracoloso!

Ma se vi fermate in questa zona per qualche giorno e volete rimettervi in forma dovete provare la SAT MEDIBIKE. Sembra una navicella spaziale ma non abbiate paura, è una cyclette dove potrete svolgere un’attività aerobica con raggi infrarossi che aiutano a bruciare i grassi.

Passeggiare fino a Portofino lungo la passeggiata dei baci

Cosa c’è di più romantico di una passeggiata sul mare? Dal Castello di Rapallo parte una lunga passeggiata su uno dei tratti di costa più suggestivi di tutta la Liguria tanto da essere chiamata la passeggiata dei baci.

Golfo del Tigullio -Monica Bruni - In viaggio con Monica
È una camminata di 8,5 chilometri che da Rapallo e porta fino a Portofino.

Io l’ho percorsa tutta qualche estate fa quando fu disteso il tappeto rosso più lungo del mondo che indicava il percorso ai turisti. Il tappeto rosso non c’è più ma la passeggiata può essere percorsa lo stesso.

Portofino - Monica Bruni - In viaggio con Monica
Una volta arrivati a Portofino potete decidere di tornare indietro con il battello che attualmente arriva fino a Santa Margherita e da lì in pullman fino a Rapallo.

Visitare Genova

Rapallo si trova solo a mezz’ora da Genova e se non ci siete mai stati dove visitarla!
Sul blog trovate diverse idee per visitare la mia città e se avete bisogno di ulteriori consigli non esitate a contattarmi!

Dove dormire a Rapallo

Rapallo Hotel San Desiderio - In viaggio con Monica

A Rapallo sono stata ospitata dall’Hotel San Desiderio che vi consiglio.

È una piccola struttura nel centro di Rapallo a pochi minuti a piedi dalla passeggiata e dalla stazione ferroviaria.

Se arrivate in auto hanno a disposizione anche alcuni posti macchina.

Le stanze sono spaziose, accoglienti e coloratissime e rappresentano in pieno il calore con cui si viene accolti da Marco e Filippo (e dal dolcissimo Idefix). Ottima anche la colazione sia dolce che salata.

 

Dove mangiare a Rapallo

Pizzeria Nettuno Ottima sia la pizza che la pinsa con una grande varietà di ingredienti, da gustare nella veranda sulla passeggiata.

Ristorante Elite Squisiti piatti di pesce ma anche con una buona scelta vegetariana. Assaggiate anche i dolci!

Rocco e i suoi fratelli Un ristorante dove torno sempre volentieri, un angolo di Sicilia in Liguria. Un po’ più costoso ma la cucina è super.

Focacceria Tossini Dove gustare la focaccia al formaggio di Recco per uno spuntino veloce nel centro di Rapllo

Gallo Nero Un pub con una vastissima scelta di birre da accompagnare con gustose focaccine farcite.

Le Saline American Bar Un locale che sia affaccia sia sul caruggio che sulla passeggiata. L’ideale per un aperitivo che viene servito con abbondanti stuzzichini.

Come arrivare a Rapallo

In Auto Rapallo è collegata con l’autostrada A12 Genova-Rosignano Marittimo e potete uscire direttamente al casello di Rapallo. In alternativa è raggiungibile con la SS1 Aurelia che collega Genova e La Spezia.

In Treno Rapallo è collegata con la linea Genova-La Spezia-Roma sia con treni regionali che Intercity

In Aereo L’aeroporto più vicino è quello di Genova che si trova a circa 40 km

Grazie a Marco, Filippo e Giulia per aver organizzato questo blog tour!

Portofino - Bloggers - In viaggio con Monica

 

13 commenti

You may also like

13 commenti

Elisabetta 24 Settembre 2019 - 9:50

A me rapallo mi ha colpita negativamente. L edilizia selvaggia e scostumata lascia a bocca aperta..In un centro piccolo come rapallo ho contato 3 distributori di benzina…a parte qualche bella villa (pochissime) in stile liberty ci sono condomini di minimo 6 piani e tenuti malissimo…per le strade c è un forte odore di gabinetto…e quando a tratti scompare prende il sopravvento l odore dei gas di scarico delle auto….una parte di visuale, prima di arrivare al porto, è interrotta da una fila di cabine blu che formano praticamente un muro impedendo la vista sul mare. Mi chiedo chi e perché abbia permesso uno scempio del genere in un posto che sarebbe potuto essere meraviglioso ….peccato

Rispondi
Monica 4 Ottobre 2019 - 15:11

Ciao Elisabetta,
mi dispiace che Rapallo non ti sia piaciuta. Rispetto ad altri borghi liguri probabilmente è meno caratteristica perché è una cittadina molto vissuta tutto l’anno e non solo per le vacanze. Per quando riguarda la pulizia e gli odori, solitamente è molto curata, non so quando tu ci sia andata, devo dire che nell’ultimo anno ci sono molti cantieri e molti lavori per ripristinare i danni della forte mareggiata che ha distrutto il porto e in certe giornate i lavori nel porto potrebbero portare cattivi odori. Purtroppo io ho abitato per anni di fronte al mare e talvolta succede, magari ci sei capitata nelle giornate sbagliate. Ma oltre al centro spero che tu abbia avuto occasione di vedere anche i dintorni che sicuramente meritano.

Rispondi
Iside 28 Agosto 2020 - 19:46

Sono ora, a Rapallo e concordo con Monica… Le città limitrofi sono migliori… Qui al mare non si può nemmeno fare il bagno.. Ma il colore dell acqua non ti invita, di certo… Abito sul lago maggiore e lo preferisco di gran lunga… Consiglio le città vicine.

Rispondi
Monica 28 Agosto 2020 - 20:11

Per il mare io preferisco il Ponente, l’acqua rimane sempre più limpida (se vuoi dai un’occhiata al mio post su Varigotti), oppure a Levante ti consiglio di andare a visitare anche altri borghi come Framura, Bonassola e Levanto. Sono un po’ più distanti ma ci sono treni abbastanza comodi.

Rispondi
Ale e Kiki 28 Gennaio 2019 - 17:05

A noi Rapallo è piaciuta tantissimo, ci siamo stati quando la primavera aveva già colorato ogni cosa nel Tigullio e il profumo della macchia mediterranea era meraviglioso! Purtroppo non siamo riusciti a visitare il Santuario di Montallegro, salendo sulla funivia, motivo per il quale dobbiamo tornare assolutamente: guarda che tramonto spettacolare!!! 🙂
l’Hotel San Desiderio sembra davvero carino poi, ce lo segniamo! 😉

Rispondi
Monica 1 Febbraio 2019 - 16:22

La prossima volta che tornate a Rapallo andiamo insieme a Montallegro!

Rispondi
Raffi 24 Gennaio 2019 - 22:56

fantastico! sono stata a Rapallo due ore per lavoro mille mila anni fa e non ho praticamente visto nulla. Con questo post mi hai fatto venir voglia di tornarci per conoscerla meglio. Io sono innamorata del liberty e credo che qui mi divertirei parecchio

Rispondi
Monica 1 Febbraio 2019 - 16:23

In primavera qui è meraviglioso, potresti farci un weekend.

Rispondi
Anna dI 23 Gennaio 2019 - 5:20

Sono stata a Rapallo .. non ti dico nemmeno quanti anni fa la prima volta. Poi ci sono ritornata in moto e devo dire che è sempre una delle zone che preferisco della Liguria. In moto poi è fantastica, easy da guidare rispetto alla macchina. Non ho visto però ttti i tuoi suggerimenti, così me li sono salvati per il prossimo tour in Rapallo city. grazie come sempre Monica, sempre un piacere leggerti

Rispondi
Biancamaria 11 Luglio 2020 - 3:54

devo venire alla casa vacanze del conventino dal 12 al 14,vorrei sapere se la spiaggia e vicina e di sabbia e se il nostro cagnolino può veniree in caso se ci può fare da guidae i costi. grazie
Biancamaria

Rispondi
Monica 12 Luglio 2020 - 16:38

Buonasera Biancamaria, mi dispiace ma non sono in grado di aiutarla, sono una consulente di viaggio ma se lei ha già prenotato con la casa vacanza, dovrebbe contattare direttamente loro per le informazioni. Grazie e buona vacanza

Rispondi
Annalisa Spinosa 22 Gennaio 2019 - 14:26

Andiamo spero a Rapallo, terra natia di mia suocera. Ormai conosco ogni singolo negozi, e alcuni gestori mi riconoscono anche. Quando torno giù faccio scorta di pesto e focaccia!

Rispondi
Simona 22 Gennaio 2019 - 11:47

Ho seguito tutto il vostro gruppo durante il tour e devo dire che è stato davvero un bel modo per me per scoprire Rapallo. Purtroppo la Liguria non la conosco per niente, so di essere in enorme difetto e spero di recuperare al più presto. Nel frattempo mi delizio con i tuoi articoli sempre ricchi di dettagli e posti meravigliosi! 🙂

Rispondi

Lascia un commento