fbpx
Home » 5 cose da vedere a Genova che non tutti sanno

5 cose da vedere a Genova che non tutti sanno

di Monica

Genova è una città affascinante, ricca di storia e di attrazioni che per troppi anni è stata considerata una città poco turistica ma oggi si è finalmente aperta ai visitatori di tutto il mondo mettendo in mostra la sua bellezza. 
La sua storia di Repubblica Marinara l’ha portata ad avere un centro storico importante di palazzi e dimore prestigiose. Ed è qui che solitamente si concentrano i turisti che vengono a visitare Genova.

Gli itinerari classici attraversano il Centro Storico dai musei di Strada Nuova fino ad arrivare al Porto Antico dove oggi si trova l’Acquario che ogni anno attira in città miglia di turisti.

Ma, da genovese, io voglio portarvi alla scoperta di una Genova diversa e insolita che non tutti conoscono. Ogni quartiere di Genova ha un passato importante e oggi regala colori e panorami che sorprendono chi arriva per la prima volta in questa città piena di contrasti.

Ecco 5 cose che non potete assolutamente perdere se venite a Genova, consigliate da una genovese.

Prendere la funicolare del Righi per vedere Genova dall’alto

Genova è una lingua di terra arroccata sulle colline e protesa verso il mare. Petrarca la definì una città regale e superba e se volete capire davvero perché Genova è conosciuta come la Superba dovete salire sulle sue colline per vederla dall’alto.

Righi - Genova

Sono tanti i punti panoramici in città ma, per vederla in tutta la sua maestosità, prendete la funicolare che dalla Zecca porta al Righi.

Largo Zecca è a pochi minuti a piedi da Via Garibaldi, la Strada Nuova dove si trovano i più importanti musei genovesi e alcuni tra i Palazzi dei Rolli, e in soli 12 minuti arriverete al capolinea del Righi.

A Genova ci sono diverse funicolari che salgono e scendono dalle colline ma questa è la più antica. La prima corsa risale al 1897, anche se il tracciato originale, che partiva da San Nicolò, fu allungato nel 1965 fino al centro cittadino per servire meglio la città che nel frattempo era cresciuta.

Dalla fermata del Righi ha inizio il Parco delle Mura da dove partono numerosi sentieri per gli appassionati di trekking verso i forti genovesi ma, se avete poco tempo e volete solo vedere il panorama basterà fare un centinaio di metri in salita e, subito dopo l’Osservatorio Astronomico si aprirà un vista magnifica su tutta la città.

La funicolare può essere presa con il normale biglietto degli autobus della rete urbana genovese e ha corse ogni 15 minuti.


Potrebbe interessarti leggere anche I Palazzi dei Rolli: la bellezza nascosta di Genova


Castello d’Albertis

Il castello d’Albertis è un luogo che tutti i viaggiatori dovrebbero visitare.

Questo castello fu la dimora del capitano Enrico Alberto d’Albertis, precursore di tutti noi moderni viaggiatori.

Castello d'Albertis

All’interno del Castello è ospitato il Museo delle Culture del Mondo e spesso vengono ospitate anche mostre temporanee legate al tema del viaggio.Ma il vero fascino di questo castello è nei reperti che il Capitano porto con sé dai sui viaggi intorno al mondo tra l’’800 e il ‘900.

Già l’aspetto neogotico del Castello che domina Genova dall’alto della collina di Monte Galletto, fa comprendere l’eccentricità del suo proprietario.

castello d'albertis

Vi consiglio di partecipare a una visita guidata che vi accompagnerà in terre lontane attraverso i souvenir del Capitano d’Albertis. Un viaggiatore visionario che amava collezionare ricordi dei suoi viaggi: armi, utensili, indumenti ma anche diari che raccolgono le sue emozioni in viaggio oltre a biglietti di treni, navi, teatri, menù e tutto ciò che ci fa comprendere come si viaggiava oltre un secolo fa.

Quartiere del Carmine

Sempre a pochi passi dai Musei di Strada Nuova e da Largo Zecca, dove parte la funicolare per il Righi, c’è questo piccolo quartiere colorato, conosciuto poco anche dai genovesi stessi sebbene sia così vicino al centro città.

Quasi tutti si fermano nella piazzetta dove si trova l’antico mercato con la sua struttura in vetro e ferro battuto ma, fidatevi, infilatevi tra gli stretti caruggi del Quartiere del Carmine, tra le case colorate di ocra, senape e rosa che sanno di Liguria.

Quartiere del carmine - Genova

Si passa da Vico del Cioccolatte, della Fragola e dello Zucchero, nomi che forse derivano dalle attività che si svolgevano tra questi vicoli fino ad arrivare in Piazza della Giuggiola che si chiama così perché tra queste case c’è un giuggiolo che è qui dal 1700.

Continuando a camminare arriverete in Salita dell’Olivella e troverete la porta dell’antico Monastero delle Monache Cistercensi. Oggi questi edifici sono abitazioni private ma, se trovate un portoncino aperto, provate ad affacciarvi e potreste trovare l’antico chiostro del Monastero.

Boccadasse, ma non solo.

Se venite a Genova non potete andare via senza aver visto Boccadasse.

Boccadasse è un antico borgo marinaro, sembra che la sua origine risalga all’anno 1000 ma oggi fa parte della città ed è un luogo del cuore per molti genovesi.

spiaggia Boccadasse

Con le sue casette colorate intorno alla piccola spiaggia è uno degli angoli più suggestivi e più fotografati di Genova ma non per questo è un luogo per turisti. È un borgo vivo, dove vivono molti pescatori e dove i genovesi amano andare per passare qualche ora sulla spiaggia, magari a mangiare un pezzo di focaccia o per un aperitivo al tramonto.

Ma se volete un consiglio non vi fermate solo al piccolo borgo. Prendete la scaletta che sale dietro la focacceria A’ Pestun’a e infilatevi nei caruggi tra le case per trovare scorci super instagrammabili.

vicolo Boccadasse

Arriverete fino a Capo Santa Chiara da cui si ha una vista bellissima su tutto il levante ligure fino al promontorio di Portofino. Se volete continuare la passeggiata potete scendere per le scalette che portano a Vernazzola, un altro piccolo borgo di pescatori meno noto di Boccadasse ma, forse proprio per questo, ancora più geniuno e affascinante, soprattutto in inverno quando la spiaggia, realizzata solo pochi anni fa, è frequentata solo da qualche abitante del borgo.

Street Art a Certosa

Da pochissimo tempo anche Genova ha il suo quartiere dedicato alla street art come le grandi capitali europee da Berlino a Londra.

Quest’estate sono arrivati a Genova artisti internazionali per dare un nuovo volto al quartiere di Certosa che ha subito maggiormente i danni derivati dal crollo del Ponte Morandi.

Certosa street art

Grazie al progetto “On the Wall – Certosa guarda in alto” sono state realizzate dieci opere il cui tema è “la gioia”.

Troviamo “Liberi di perderci” l’opera di Antonello Macs che rappresenta due giovani che partono per un viaggio, dedicato alle persone che sanno rialzarsi più forti e determinate che mai.

E poi “Amore e Psiche” di Ozmo, e ancora “Le acciughe fanno il pallone”, l’opera dei foggiani Kactus e Maria ispirata alla canzone di De André.

street art certosa

Arrivare a Certosa è semplice. Potete prendere la metropolitana in Piazza De Ferrari e in pochi minuti arriverete alla fermata di Brin nel quartiere di Certosa.

Liguria Insolita: scoprila insieme alle blogger liguri!

Questo post fa parte del progetto “Liguria insolita” realizzato da 5 blogger liguri con l’intento di valorizzare le bellezze nascoste della nostra regione e portato avanti su Instagram tramite l’hashtag #emozionidiliguria.

Ecco, oltre a questo, gli altri articoli delle blogger liguri partecipanti:

Se questo post ti è piaciuto lascia un commento qui sotto e condividilo su Pinterest!

5 cose da vedere a Genova

19 commenti

You may also like

19 commenti

VALERIA 20 Dicembre 2019 - 22:32

La Liguria è una delle pochissime regioni italiane che non ho ancora visitato, e questo articolo mi ha convinto a colmare questa lacuna quanto prima!

Rispondi
Monica 29 Dicembre 2019 - 19:09

La Liguria è una regione bellissima ma è poco conosciuta dal punto di vista turistico. Ma chi viene qui poi rimane sempre sorpreso dalla sua bellezza.

Rispondi
Fabiana 26 Ottobre 2019 - 10:01

Il Castello, ma che meraviglia! Anche io ho sempre considerato Genova una meta poco turistica, pur essendo poco distante da Torino dove abito. Recupererò presto seguendo questa mini guida!

Rispondi
Monica 11 Novembre 2019 - 16:52

Se vieni a Genova e hai qualsiasi domanda non esitare a chiedere, do sempre volentieri consigli sulla mia città.

Rispondi
silvia terracciano 26 Ottobre 2019 - 9:41

Genova non dista molto da me ma non l’ho mai visitata in modo approfondito dovrò rifarmi al più presto coi tuoi consigli

Rispondi
Monica 11 Novembre 2019 - 16:53

Per qualsiasi informazione su Genova sono a disposizione, non esitare a chiedere!

Rispondi
Valentina 21 Ottobre 2019 - 14:19

Dovrei proprio tornarci a Genova, e scoprire questi bei posticini! Mi ispira moltissimo il Castello d’Albertis, sembra davvero affascinante scoprire la storia del Capitano! 🙂

Rispondi
Monica 23 Ottobre 2019 - 11:00

Per noi che amiamo viaggiare, la storia del Capitano d’Albertis è davvero affascinante. È il predecessore di tutti noi travel blogger!

Rispondi
Ilaria Fenato 19 Ottobre 2019 - 8:26

Non sono mai stata a Genova, anzi mai stata in Liguria e voglio recuperare quanto prima. Questa guida mi piace tantissimo, soprattutto il castello ha catturato immediatamente la mia attenzione! *_*

Rispondi
Monica 23 Ottobre 2019 - 10:59

Allora devi proprio venire in Liguria! È una regione con paesaggi e borghi bellissimi e anche Genova è ricca di storia. Ti aspetto!

Rispondi
Paola 18 Ottobre 2019 - 16:32

Sono appena stata a Genova, peccato non aver letto prima il tuo post perché altrimenti avrei visitato volentieri Boccadasse. In compenso il Castello d’Albertis è una delle mie mete preferite di Genova.

Rispondi
Monica 23 Ottobre 2019 - 10:56

Ciao Paola! La prossima volta che torni a Genova ti accompagno volentieri a Boccadasse!

Rispondi
Elisa 18 Ottobre 2019 - 15:31

Bellissimo post! Genova è in programma da un po’, appena riesco ad organizzare includerò sicuramente queste cose nel mio itinerario…

Rispondi
Monica 23 Ottobre 2019 - 10:53

Se hai bisogno di informazioni su Genova sono a disposizione quando vuoi!

Rispondi
Serena - Sognando Viaggi 18 Ottobre 2019 - 13:03

Da genovese mi complimento per le scelte e confermo, si tratta di ottimi spunti per vedere una Genova “insolita”!

Rispondi
Monica 23 Ottobre 2019 - 10:40

Ah che bello! Un’altra blogger genovese, dobbiamo fare un incontro!

Rispondi
Claudia e Mattia 4 Ottobre 2019 - 17:05

Mi ci devi portare nel quartiere dedicato alla street art, sai che amo i murales!

Rispondi
Monica 17 Ottobre 2019 - 17:12

La prossima volta che vieni a Genova andiamo!

Rispondi
Liguria insolita: da Ponente a Levante itinerario nei luoghi dell’Archeologia ligure – Maraina in viaggio 12 Settembre 2019 - 20:25

[…] 5 cose da vedere a Genova che non tutti sanno a cura di Monica di In viaggio con Monica […]

Rispondi

Lascia un commento